Italiano

Blocco militare CSTO non esiste

06.11.2013 | 15:30

1383737018_1380874962_2222Il critico del presidente armeno Sargsyan ai membri del Collective Security Treaty Organization ( CSTO ) per lo sostegno degli interessi dell’Azerbaigian ha messo in evidenza alcuni punti  interessanti. Anche se lui non ha citato nessun nome  , si vede che  intendeva Kasakhistan e Kirghisizistan. Prima di tutto, questi stati specialmente durante gli incontri dei presidenti degli stati turchi hanno sostenuto ripetutamente la posizione giusta dell’Azerbaigian. Da qui si può capire che se l’Azerbaigian decide di liberare le sue terre con la Guerra , I membri di CSTO non difenderà l’Armenia.Dobbiamo sottolineare che nessun paese del mondo non ha accettato il Nagorno- Karabakh come la zona dell’Armenia . L’integrità territoriale dell’Azerbaigian viene riconosciuta e sostenuta sempre da  più paesi. La preoccupazione dell’Armenia è comprensibile in questo caso. Ricordiamo che , Il presidente dell’Armenia ha partecipato alla sessione finale del Consiglio di Sicurezza Collettiva  dell’CSTO seduto a Mosca ed ha accusato l’Azerbaigian : “ Anche se le decisioni vengono prese in collettivo, alcuni stati membri fanno dei passi contrari alle decisioni di CSTO. Negli ultimi anni pure a livello presidenziale, con l’impatto dell’Azerbaigian alcuni stati membri prendono le decisioni unilateralmente che rende dominante il principio “ l’integrità territoriale” dagli altri pricipi. Certo che alcuni paesi possono avere gli interessi per l’Azerbaigian. Ma dentro l’organizziazione non possiamo permettere a questo caso”.

 

E cosa pensano gli esperti ?

 

Blocco militare CSTO non esistePolitologo Vafa Guluzade ha notato che il blocco militare di nome L’Organizziazione del Trattato di Sicurezza Collettiva( CSTO) non esiste. Secondo le sue parole, con questo la Russia vuole dimostrare ad Occidente che anche loro hanno creato un blocco: “ L’Azerbaigian non entrerà mai a questa organizziazione. Per primo non può rappresentarsi insieme all’Armenia in un blocco. Secondo fatto è che questo CSTO sarà distrutto insieme con la Russia. Russia va verso la rovinazione. Ma questo procedimento va molto piano”.

 

Blocco militare CSTO non esisteMembro del Parlamento prof. Musa Gasimli ha dichiarato che , l’Armenia si fida di CSTO: “ Però  questa fiducia non assume nessun valore: Se l’Armenia conta al Trattato di Sicurezza Collettiva , allora deve capire che se inizia la Guerra i paesi di questo Trattato si separeranno uno dall’altro. Nel senso che i paesi turchi coinvolti a quel contratto non difenderà mai l’Armenia. Il principio di Kazakistan , Kirghisitan e degli altri paesi per difendere l’Azerbaigian nel conflitto di Nagorno Karabakh nato a seguito dell’invasione dell’Armenia ,è accettabile sia dal aspetto delle norme internazionali che dei principi di giustizia. Per questo motivo Sargsyan si preoccupa.

 

Membro del Parlamento politologo Aydin Mirzezade ha detto che , questo, è un buon esempio di una seria gravissima tensione nella gestione di politica dell’Armenia. Secondo lui , anche prima Sargsyan e i suoi sostenitori hanno fatto dichiarazioni che esprimono le preoccupazioni per il problema del Nagorno Karabakh e la situazione di tensione nel paese. “ Nel suo ultimo discorso, infatti,  lui ha ammesso che Armenia si è sconfitta nella questione del Nagorno Karabakh. Nagorno Karabakh non è un conflitto che può essere risolto solo con la Guerra. Questo problema ha gli aspetti politici, militari e psicologici. E infatti , è stata Armenia a essere sconfitto dall’Azerbaigian in tutti questi fattori. Oggi giorno l’Azerbaigian ha un forte esercito. Invece, a questo proposito lo stato armeno possiede certi problemi .

 

Blocco militare CSTO non esisteL’82%  del   Caucaso Meridionale appartiene all’Azerbaigian. Solo il 7% appartiene all’Armenia. Quindi l’autorità politica dell’Armenia non assume nessuna posizione dominante . L’Azerbaigian dal punto diplomatico nelle organizzazioni internazionali ha ottenuto le risoluzioni imparziali per la questione del Nagorno Karabakh . La sudetta politica crea dei problemi anche in Armenia. Il popolo lascia il paese costantamente. In questi giorni uno dei ministri del parlamento dell’Armenia ha dichiarato che il “popolo armeno si trasferisce . Se le relazioni con l’Azerbaigian fossero migliori si trasferirebbero pure in Azerbaigian”. Questo discorso dimostra da un lato lo sbaglio politico di Sargsyan e da un’ altra parte che sta in una situazione disperata”. Secondo l’opinione del ministro, in Armenia c’era un idea che loro risolveranno in breve termine il problema del Nagarno Karabakh a loro favore.  Molti rappresentanti armeni avevano ottenuto posizioni nell’autorità dell’ex Unione Sovietica e così continuavano a sfruttare le risorse e riuscivano a concentrarsi  allo sviluppo dell’Armenia , nonchè alla propoganda delle pretese vane sul Nagorno Karabakh.

 

Dopo l’indipendenza ogni paese doveva affidare alla sua capacità . E cosi era chiaro che ne l’Armenia ne i suoi funzionari che governano il paese non hanno nessun piano per lo sviluppo del  paese. L’invasione dei territori azeri, affermazioni false sul genocidio dalla Tuchia e deterioramento delle relazioni con questo paese colpisce l’economia dell’Armenia. “ il presidente della Russia ha dichiarato che l’abitazione degli armeni in Russia superiore a quella in Armenia. Si deve sottolineare che all’inaugurazione della chiesa armena in Russia non ha partecipato nessuno della rappresentenza della Russia .Tutti questi fatti dimostrano che Armenia non ottiene nessun supporto dalla Russia.  Ed il suo critico contro i paesi turchi per il sostegno all’Azerbaigian è un esempio che non sa condurre la politica e diplomazia.

 

Per primo l’organizziazione CSTO  tutela solo i territori che appertengono ai paesi. Nessun stato di quella organizziazione non ha intenzione di difendere la politica aggressiva dell’Armenia. Per quanto riguarda il critico dell’Armenia ai paesi che vogliono mantenere buone relazioni a favore dei loro interessi, in questo caso l’Armenia si sbaglia. Oggi giorno l’Armenia non crea gli interessi negli altri paesi. Per questo la posizione di Sargsyan fa solo ridere”. ”- ha aggiunto Aydin Mirzezade.

 

 

 

Ali  ZULFUGAROGHLU

 

“KarabakhİNFO.com”

 

 

06.11.2013 15:30

Lascia un commento:

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*