Italiano

CUCINA DEL KARABAKH: Piatti di Shusha

25.09.2014 | 11:42

qarabag metbexiLa particolarità della cucina azera è conosciuta in tutti i paesi del mondo. I turisti stranieri che vengono nel nostro paese non vogliono andare via senza degustare i piatti locali. Soprattutto, quelli appartenenti alla regione del Karabakh la cui ricchezza viene confermata non soltanto da professionisti esperti, ma da tutti.

 

 

Ogni zona del Karabakh possiede il proprio piatto speciale . Oggi parleremo della cucina di Shusha, parte integrante dell’ arte culinaria del Karabakh e che si distingue per la sua richezza e particolarità. Questo parere è stato affermato anche durante la conversazione con le persone d’origine di Shusha.

 

 

tair_amiraslanov12_Il Presidente dell’Associazione di Culinaria Nazionale di Azerbaigian Amiraslanov Tahir ci ha detto in un’intervista che la cultura culinaria del Karabakh è parte integrante della cultura della cucina tradizionale azera. Storicamente, è stata in contatto con l’ arte culinaria delle altre regioni . E questo l’ha resa ricca, allo stesso tempo ha arrichito le altre culture culinarie: “Karabakh si trova lontano dal mare, qui viene utilizzato il pesce di fiume. In generale, il pesce non assume un posto essenziale nella cucina del Karabakh. ”

 

 

Secondo le parole di T. Amiraslanov la cucina di Shusha è estramamente ricca: “La ragione di questo fatto risale al Medioevo. Durante il periodo del khanato venivano ospiti nobili a Shusha. Per soddisfare gli ospiti si riunivano cuochi speciali e di talento . Infatti, Shusha era piena di bravissimi cuochi. ”

 

 

Per quanto riguarda i famosi piatti di Shusha T.Amiraslanov ha detto che il gusto del “kabab” e il “plov” non è noto solo in Azerbaigian, è diffuso anche all’estero: “Prima di tutto, vorrei parlare del “Qiyməli plov” , piatto più amato .

 

 

Plov preparato nel corso del tempo del khan Panahali

 

 

Questo Plov (riso) si è fatto durante il periodo del khanato di Panahali Khan. La procedura di preparazione è la seguente:
Soffriggere1 kg di agnello macellato . Aggiungere 20 grammi di corniolo senza seme, 20 grammi di uva passa. Filtrare 500 grammi di riso e raccogliere a strati il riso filtrato con la carne soffritta nella pentola e stufare il piatto. I prodotti necessari per preparare “qazmaq” nel fondo della pentola sono i seguenti: 500 gr di farina, 1 uovo, 100 grammi di burro, e insieme si impastano e se ne fa una pasta filo e si posa sul fondo della pentola.

 

 

L’altro tipo di plov è “Qırxbugumlu aş”. Preparazione: 1kg di riso che si tiene in acqua salata calda per 3 ore. Quando il riso bolle, sono aggiunti 150 grammi di Polygonum. Mettere 500 grammi di carne sul fondo della pentola. In mancanza di carne, si versa l’uovo sul riso. Sui pezzi di carne posti versare la miscela di riso e di Polygonum, aggiungere l’olio e lasciare che sia infuso. ”

 

 

pervaneParvana Garakhanli originariamente di Shusha ha parlato della cucina di questa zona a cui riferisce amorevolmente: “La cucina Shusha si distingue dalle altre. Perchè non è possibile trovare le spezie e le verdure di Shusha nelle altre regioni. Così danno un sapore particolare e diverso al piatto. Uno dei più amati plov di Shusha è ” Şeşdrengili aş ” . Per preparare questo riso, 1 kg di riso viene tenuto in acqua calda per 3 ore , poi filtrato e viene bollito. Si mettono 150 grammi di burro e si lascia che il piatto sia infuso. Quanto alla preparazione del sous del piatto soffriggere 200grammi di cipolla in una grande padella, aggiungere il corniolo, l’uva secca, poi le uova. Poi versare il sale, il pepe, la cannella . Il sous e il riso vengono dati separatamente.

Uno dei più antichi piatti a Shusha è “Canina çəkmə “. Questo piatto è cucinato nei mesi più freddi. Per questo, 500 grammi di carne di montone viene bollito con 200 grammi di piselli. Quando è cotto, vanno versati 300 grammi di riso. Cuocere fino a quando l’acqua non rimane. Quando sarà sul punto di essere pronto versate 30 grammi di corniolo (oppure corniolo senza seme, come preferite).

 

 

Un altro piatto si chiama “Qəlya”. Preparazıone: 500 grammi di agnello cotto. Quando si versa l’olio, si aggiungono anche le castagne, le prugne secche, le melacotogne, lo zafferano, la cannella, il sale e il pepe nel agnello . ”

 

 

P. Garakhani alla fine del suo discorso ha aggiunto che, la popolazione di Shusha non si è dimenticata della cucina, nonostante sia sfollata dalla terra natale.

 

 

Gunel Jalil
“KarabakhİNFO.com”

25.09.2014 11:42

Lascia un commento:

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*