Italiano

“Le donne anziane non hanno lasciato le loro terre native”

23.07.2014 | 06:25

10559284_606865859426901_251902242_nUno dei più grandi artisti ha detto che ogni volta che guardava Agdam gli sembrava che la terra piangesse. Ma allungando la mano  non è in grado di cancellare le lacrime della terra. Questo è vero, non importa quanto è stato doloroso. Quando fermeranno le lacrime di Agdam? La terra piange, perché è sotto i piedi del nemico e rimane affamato per il respiro e il suono dei piedi della sua…

 

 

Oggi, sono passati 21 anni dall’occupazione del distretto di Agdam da parte delle Forze armate armene.  Agdam il 23 luglio 1993, fu invaso dalle forze armate armene.

 

 

Sull’ occupazione di Agdam il vice amministratore del Municipio del distretto di Agdam  Aga Zeynalov ha rilasciato un’intervista alla rivista elettronica internazionale”KarbakhINFOcom” . Va detto che Aga Zeynalov è di origine di Agdam. Nasce ad Agdam e vive lì.

 

 

-Signor Aga, ora una parte di Agdam è occupata. Come descriverebbe questa situazione alla nuova generazione ?

 

 

 

Il distretto di Agdam è stato fondato nel 1930. La topografia della regione, con una superficie di 1.094 kmq di territorio, è prevalentemente pianeggiante e un po’ montuosa. Si trovava al centro del Karabakh, terra antica e affascinante  – nel piede nord-orientale della catena montuosa del Nagorno-Karabakh, ad ovest della pianura Kura-Araz. Agdam è piuttosto un bel posto. Purtroppo, è stato schiacciato sotto l’occupazione armena. Non c’erano in nessuno angolo dell’Azerbaigian i luoghi pubblici di Agdam. Il cinema “Amicizia”, le case da tè che non hanno uguali  si trovavano solo in Agdam. In Aghdam si trovava il Museo Bakery, che era l’unico in tutto il mondo. Il museo esponeva una collezione unica di periodi antichi e medievali. Tra gli esempi c’erano cereali pietrificati antichi, cereali, piante rare, numerosi libri di pregio sullo sviluppo della produzione vegetale, manoscritti e altri materiali, gli antichi attrezzi agricoli -, aratro , falce normale e dentata, rullo per pestare il grano, mulini a mano, e altri strumenti.

 

 

Agdam era insostituibile. Ci sono stati un gran numero di intellettuali, scienziati e rappresentanti della cultura che sono cresciuti a Agdam assorbendo la sua atmosfera. Uno di loro è stato Khudu Memmedov, esperto in scienza della chimica, Rafiq Aliyev, famoso scienziato in kibernatika e altri accademici  nei diversi campi.

 

 

Molti di questo distretto erano presenti nel settore della cultura. Tra cuesti Sara Qadimova, il suonatore a tar Qurban Pirimov, Shahmali Kurdoghlu, Arif Babaev, chitarrista Ramish, Aygun Bayramova e altri possono essere citati come esempio.
-Sappiamo che è antica la storia di Agdam …

 

 

– “Agdam” nell’antica lingua turca significa “piccola fortezza”. La sua zona è uno dei più antichi insediamenti umani. Ideal Nerimanov un noto archeologo, ha effettuato indagini  archeologiche  in un luogo chiamato Ucoglantepe, e ha messo in evidenza  l’antico popolo che si trovava nella regione 6000-8000 anni fa, cioè, nel periodo neolitico (IV-VI millennio aC). Agdam è stato uno dei primi insediamenti urbani nel Caucaso, ed uno che possedeva i monumenti più ricchi in Trancaucasia.Vicino al villaggio Sarychoban del distretto, un magnifico monumento sepolcrale della fine dell’epoca del Bronzo e del Ferro(XIX-XIII a.c),trovato alla metà degli anni ’80 è molto importante in termini di storia. Materiali trovati nel tumulo (secoli XII-XIII secoli a.c) segnano che la tomba appartiene ad un uomo ricco.

 

 

10517096_606865862760234_244386847_n-Ricordare il giorno dell’invasione di Agdam, ovviamente, è molto difficile. Non vorrei rinnovare il Suo dolore. Come l’hanno influenzata quei momenti ?

 

 

-Non posso dimenticare quel giorno. Quel giorno ero nel villaggio di Agdam, Garadaghli. Garadagly era uno degli ultimi villaggi del distretto.La mattina del 23 luglio 1993 i ragazzi del quartiere si erano radunati  nel cuore del villaggio. Il villaggio non aveva acqua ed elettricità. Di mattina siamo andati a portare l’acqua del fiume che scorre attraverso il territorio della parte cosiddetta Əhəddi. Quando sono tornato, abbiamo visto che alcune persone stavano correndo. Abbiamo chiesto loro cosa era successo, ci hanno detto, “Agdam è stato occupato. Quando l’ho sentito, mi è sembrato che il mondo fosse stato distrutto da me. Gli anziani del villaggio, hanno portato donne e bambini per farle salire in elicottero perché esse non fossero catturate dai nemici. Le donne anziane non hanno lasciato le loro case. Preparavano il pane per i soldati che combattevano.

 

 

-Secondo Lei, si è combattuto per Agdam fino alla fine?

 

Se guardiamo le statistiche, vediamo che i figli coraggiosi avevano lottato quanto necessario. Durante la guerra, quasi 6.000 sono stati uccisi in Agdam. Ci sono 16 eroi nazionali di Agdam. L’eroismo di Rovshan Akberov è noto a tutti.

 

 

-Durante l’occupazione di Agdam quanti danni  sono stati causati  al distretto?

Per confronto, il 77,4 per cento del territorio del distretto di Agdam era occupato da armeni. 82 villaggi e 1 città attualmente sono tenuti sotto l’invasione. 34 600 case private, 27 oggetti di industria, 29 oggetti di agricoltura,  5 complessi di allevamento del bestiame, 1 campo seminativo su 5, 19 672 ettari, 57 oggetti di comunicazione, 114 oggetti di istruzione, 123 centri santitarie, 108 centri culturali, 4 musei, 66 monumenti archeologici e 16 moschee sono stati distrutti. Danni per un totale di 17 miliardi di manat  sono stati causati durante l’invasione del distretto di Agdam.

 

 

-Le persone che vivono nei territori non occupati, guardando la terra occupata dagli armeni quali sensazioni provano ?

 

Ogni mattina guardiamo i territori conquistati. La gente guarda con ironia quelle aree. A volte le persone di Agdam mi dicono di voler tornare nella loro patria  e di morire lì.

 

 

Guardando la nostra terra meravigliosa , il nostro odio contro gli armeni aumenta ulteriormente. La gente di Agdam è pronta a dare la sua vita per il paese in qualsiasi momento.

 

 

Gunel Jalil

 

“KarbakhİNFO.com”

23.07.2014 06:25

Lascia un commento:

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*